it

Sito archeologico Ajdovščina sopra Rodik

I resti del castelliere fortificato parlano dell’insediamento preistorico e tardo antico del colle sopra Rodik.

Accanto alla strada che da Kozina porta a Divača, il colle Ajdovščina - da cui è possibile ammirare dei panorami mozzafiato - sovrasta il paese di Rodik. Grazie alla sua perfetta ubicazione, la sommità del colle permetteva la sorveglianza delle importanti strade dell’epoca. Ecco perché fu costruita anche la fortificazione. Le fondamenta sono originarie della tarda età del ferro, quando l’insediamento venne cinto con possenti mura larghe ben due metri. I reperti segnalano anche l’insediamento dei popoli nella prima antichità, ovvero nei primi due secoli dopo Cristo. I ruderi tutt’oggi visibili rappresentano quel che rimane della fortezza della tarda era antica, precisamente dei tumulti del IV e V secolo, quando l’insediamento vide ristrutturare le cinta e ricostruire l’interno del villaggio. Ajdovščina è noto tra i campi antichi posizionati sui colli meglio conservati in Slovenia e vanta delle strutture superficiali ben visibili, oltre a un edificio e alle vie ben riconoscibili.

I colli sopra Rodik sono da sempre conosciuti per le loro ricche tradizioni mitiche. Stando alle leggende, nello stagno Jezero situato sul colle Čuk, in prossimità dell’antico insediamento di Ajdovščina, viveva il lintver, una creatura soprannaturale che, secondo alcune interpretazioni, aveva le sembianze di un drago o di un gigantesco serpente. Fu proprio il lintver, guardiano dell’enorme lago nascosto nel cuore della montagna, che minacciò gli abitanti di Rodik con catastrofi naturali. Ma la tradizione popolare racconta anche di grotte sotterranee piene zeppe di creature mitiche e gallerie che conducevano all’aldilà. Il monolito Baba testimonia l’antico personaggio femminile comune, specie nel mondo slavo e romanico. Tutt’oggi, infatti, quando il cielo si schiarisce, la gente locale parla di come “Baba ha alzato la sua gonna”. E, proprio ispirati a questi ricchi costumi, gli abitanti di Rodik hanno iniziato a curare il Parco mitologico.

Informazioni
CIT Hrpelje – Kozina

Potrebbe anche interessarvi

Il sito web utilizza i cookie per fornire agli utenti una migliore esperienza di navigazione e monitorare le statistiche delle visite.

Facendo clic su “Acconsento”, si dichiara di essere d’accordo con l’utilizzo dei cookie. In caso contrario, si prega di fare clic su “Non acconsento”.Ulteriori informazioni
Non acconsento Acconsento